Verifiche e controlli sull’impianto

Legge Regionale del 5 dicembre 2016 n.36 – Catasto Energetico Regionale

“Norme di attuazione del decreto legislativo 19 agosto 2005, n. 192 e dei decreti del Presidente della Repubblica 16 aprile 2013, n. 74 e n. 75, di recepimento della direttiva 2010/31/UE del 19 maggio 2010 del Parlamento europeo e del Consiglio sulla prestazione energetica nell’edilizia. Istituzione del “Catasto energetico regionale”

La suddetta Legge precisa in sintesi:

  • Art.2 comma 1: “La Regione Puglia, individua nelle province le autorità competenti per lo svolgimento delle attività di accertamento e ispezione degli impianti termici… “;
  • Art.3 comma 2: “Le operazioni di controllo ed eventuale manutenzione dell’impianto devono essere eseguite da imprese iscritte nel Registro delle Imprese… le operazioni di controllo e manutenzione degli impianti termici che impiegano macchine frigorifere devono essere eseguite, ove ne sussistano i presupposti…”;
  • Art.3 comma 3: “I manutentori, provvedono, in occasione della prima operazione di controllo e manutenzione programmata, all’aggiornamento del libretto di impianto per la climatizzazione…”;
  • Art.3 comma 4: “Al termine delle operazioni di controllo ed eventuale manutenzione dell’impianto, l’operatore ha l’obbligo di redigere e sottoscrivere un rapporto da rilasciare al Responsabile dell’Impianto, che deve sottoscriverne copia per ricevuta. …”;
  • Art.4 comma 5: “Il bollino verde deve essere apposto sui rapporti di controllo di efficienza energetica con cadenza e il valore è stabilito con provvedimento di Giunta Regionale. …”;
  • Art.5 comma 1: “Le autorità competenti sono tenute all’effettuazione degli accertamenti e delle ispezioni volte alla verifica dell’osservanza delle norme relative al contenimento dei consumi energetici, …”;
  • Art.8 comma 3: “Il proprietario o il conduttore dell’unità immobiliare, l’amministratore del condominio o l’eventuale terzo responsabile che se ne è assunta la responsabilità, qualora non provveda alle operazioni di controllo e manutenzione degli impianti… è punito con sanzione amministrativa non inferiore a euro 500 e non superiore a euro 3000.”;
  • Art.8 comma 4: “L’operatore incaricato del controllo e della manutenzione, che non provvede a redigere e sottoscrivere il rapporto di controllo tecnico… è punito con la sanzione amministrativa non inferiore a euro 1000 e non superiore a euro 6000…”;
  • Art.8 comma 5: “Le sanzioni previste, …:
    • a) assenza del libretto e mancata compilazione o compilazione incompleta… sanzione amministrativa pecuniaria da euro 100 a euro 600;
    • b) mancato invio della scheda identificativa… sanzione amministrativa pecuniaria a carico del responsabile dell’impianto da euro 100 a euro 600;
    • c) mancata comunicazione nomina o revoca incarico terzo responsabile. … sanzione amministrativa pecuniaria da euro 100 a euro 600;
    • d) mancato invio del rapporto di controllo dell’efficienza energetica. … sanzione amministrativa pecuniaria a carico del responsabile dell’impianto da euro 50 a euro 300;
    • e) mancata comunicazione della nomina o revoca incarico amministratore di condominio. … sanzione amministrativa da euro 100 a euro 600″.
  • Art.8 comma 8: “Prima di procedere all’irrogazione della sanzione prevista l’autorità competente diffida il responsabile di impianto a effettuare, entro un termine perentorio, gli interventi necessari a eliminare le irregolarità riscontrate. Alla scadenza del termine previsto, in caso di mancato rispetto della diffida, l’autorità competente provvede a irrogare la sanzione.”
  • Art.8 comma 9: “Laddove in sede ispettiva vengano rilevate gravi inadempienze tecniche in ordine alla manutenzione e conduzione in sicurezza degli impianti l’autorità competente può, escludendo la diffida preliminare, dare avvio immediato all’irrogazione della sanzione amministrativa… proporzionalmente alla gravità dell’inadempienza e, al contempo, obbliga il soggetto responsabile a dare attuazione entro un termine perentorio agli interventi necessari a sanare le irregolarità riscontrate. In caso di mancata attuazione dei suddetti interventi entro il termine previsto, l’autorità competente applica il restante importo della sanzione.”